La canzone di oggi: Fotografia M

Un giorno in vacanza in un’isola greca. Poco vento ma acqua fredda come al solito. Il sole era alto ma riusciva lo stesso a disturbare lo sguardo. Due ragazzi facevano il bagno davanti a me. Lui, a un certo punto, si inginocchia e si crea, complici il paesaggio e la luce, una scena quasi surreale. Prendo il telefono e scatto senza guardare (perché… non vedevo nulla). Più tardi, all’ombra, guardo la foto e scrivo questo testo:

Fotografia M (E. Girolami – 2018)

Il mare fermo come fosse solido

La luce forte che fa tutto in bianco e nero

Una barca lontana

Sembra non accorgersi di te

Il sole è ancora alto nel cielo

sento il calore forte che scalda

E stranamente l’acqua è fredda

e io però non sento niente

E il sole che guida

Ti mette al centro della scena

Protagonista forse tuo malgrado

Ma ormai sei lì che non riesci a muoverti

E mi inginocchio davanti a te

Che neanche Venere potrebbe guardarti

Negli occhi illuminati da una lucida ironia

E mi inginocchio davanti a te

Per dire cose che non sono capace

Perché vorrei, non sai quanto vorrei

Ma non so dire se per te è lo stesso

Cerco un po’ d’aiuto nell’acqua

che è distratta dall’assenza di vento

e non mi aiuta a trovare le parole

che ci vorrebbero in questi momenti

Di solito sono capace

I miei pensieri corrono veloci

e trovo quasi sempre il modo

ma questa volta pare proprio di no

E il sole che guida

Ti mette al centro della scena

Protagonista forse tuo malgrado

Ma ormai sei lì che non riesci a muoverti

È il sole che guida

e tu sei al centro della scena

protagonista solo come tu sai fare

con quello sguardo che raggiunge dritto il cuore

E mi inginocchio davanti a te

Che neanche Venere potrebbe guardarti

Quegli occhi grandi forse neri illuminati da una lucida ironia

E mi inginocchio davanti a te

Per dire cose che non sono capace

Perché vorrei, non sai quanto vorrei

Ma non so dire se per te è lo stesso

Dicono succede all’improvviso

Che ti ritrovi come fosse un attimo

Fissato per sempre nella storia

Da una fotografia

La canzone ha trovato forma al ritorno dalla vacanza e, prima di arrivare alla pubblicazione su #nativoanalogicoricominciamo da qui, ha subito una serie di vicissitudini che ne hanno ritardato l’uscita. A un certo punto abbiamo anche provato a farne una versione femminile ma poi è rimasta questa con la M (l’altra sarebbe stata con la F). La fotografia che ha dato origine a tutto è questa:

Ascoltate (dal player in testa a questo articolo) e, se vi piace il pezzo, condividete!

4 commenti su “La canzone di oggi: Fotografia M

  1. Paola Cimitan Rispondi

    Che bella questa cosa. Capire lo stato d’animo, partecipare.
    Grande scatto. Ci vuole occhio, ci vuole anima.

  2. Franco Rispondi

    Bel pezzo, mi piace veramente.
    E bella foto……frutto del caso, della fortuna o altro…(Cartier-XXXX)
    Non so se Bresson (Lucio) si vuole esprimere!

    • emiliano Autore articoloRispondi

      Grazie! Per la foto credo un po’ il caso, un po’ la fortuna. Quando vediamo Lucio gliela facciamo sentire 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.