Irresistibili distanze di Andrea Perrotta (& friends)

Un’operazione interessante e audace quella di Andrea per almeno un paio di aspetti. Il primo è che il lavoro è stato pubblicato su CD in un momento in cui le vendite su questo supporto stanno diminuendo vertiginosamente. Il secondo è il genere. In un momento in cui la velocità di fruizione sembra essere il paradigma dell’ascolto e la semplicità delle strutture musicali la fanno da padrone, Andrea pubblica un disco di progressive rock con strutture dei brani complesse e articolate e soluzioni armonico/melodiche non proprio banali.

Lava ME2 vs Gibson J45

Visto il clamore che le nuove chitarre Lava stanno suscitando nelle comunità di chitarristi, ho deciso di pubblicare un confronto tra una modernissima Lava ME2 e una più tradizionale Gibson …

#roundshoulder va su Spotify

#roundshoulder – il suono delle spalle tonde dopo due anni in giro per enoteche, librerie, case e piazze del centro Italia e dopo l’uscita in vinile va su Spotify. Per …